<{$xoops_sitename}>
<{$xoops_sitename}>

Benvenuto. Registrati
Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
Contenuti & Utility
Documento senza titolo


ARTICOLI e NEWS : scegli una categoria

Lo Strumento : GLOSSARIO : K
Inviato da admin il 21/11/1980 11:40:00 (1580 letture)

lettera K
(voci in continuo aggiornamento)


- Kilmarnock. Località nota fino al secolo scorso per le sue industrie tessili e manifatturiere. Il copricapo in uso nei reggimenti highlander da Culloden fino alla Crimea era così denominato dal luogo d'origine. Il kilmarnock e' sostanzialmente un cilindro di lana alto circa quindici centimetri, spesso decorato lungo l'intera circonferenza da una fascia a scacchi alta 8-10 centimetri . Dal kilmarnock e' poi derivato il glengarry (v.)

- Kilt. Parte fondamentale dell'highland dress, copre il corpo dall'ombelico al ginocchio. Si realizza con un tessuto di lana molto fitto e pesante - il tartan - che viene piegato in maniera caratteristica nella parte posteriore e lasciato piano nella parte anteriore; viene indossato facendo sovrapponendo i due aprons (v.) sul davanti e allacciandolo sulle anche con delle piccole fibbie. Il nome deriverebbe dal verbo sassone to kilt che nel gergo sartoriale del settecento stava ad indicare la plissettatura di un tessuto.

Indossato comunemente nelle highlands fino al 1746, viene quasi completamente eradicato a seguito delle clearances, per rinascere nello spazio di una notte - letteralmente - a seguito della visita di Giorgio IV ad Edinburgo.

Quello che oggi s'indossa non e' piu' il belted plaid, ma il piccolo kilt adottato a partire dalla fine del settecento dai reggimenti highland dell'esercito britannico. Il belted plaid sta però conoscendo nuovamente una certa popolarità

Infine, per quanto riguarda il vecchio e pruriginoso dilemma riguardante cosa vada indossato sotto, ognuno si regola come meglio preferisce.

L'unico riferimento certo sono le disposizioni di regolamento che vigono nei reggimenti highland dell'esercito britannico: è fatto esplicito divieto ad ufficiali e truppa di indossare mutande sotto il kilt, con le sole eccezioni di pipers, drummers e dancers.

Il kilt e' un indumento molto pratico e garantisce il massimo della sobrietà anche durante attività molto agitate, al contrario di quanto certa iconografia deteriore ci ha portato a credere ......

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.

webmaster: sigmastudio, riccardo bonanni, duilio vigliotti