Bratach Gorm e London Competition 2019 risultati

LONDRA CAPITALE: UNA VALANGA DI PREMI PER LA DOLLAR ACADEMY (di Michele Mele)

L’ottantesima edizione della London Competition che si è svolta, come da consuetudine, durante il primo week end di novembre è stata un notevole successo di pubblico: sia la distribuzione degli eventi su due giorni che il trasferimento nella nuova e lussuosa location del Caledonian Club a Belgravia, a due passi da Buckingham Palace, hanno contribuito nell’elevare nuovamente questo storico evento al rango che merita. L’edizione 2019 ha fatto registrare un record di partecipazioni, essendo aumentati i pipers in competizione e quasi raddoppiata la presenza del competente pubblico londinese. 

Calum Beaumont della Dollar Academy

ha vinto il Bratach Gorm ed il premio complessivo per il Premier Grade: il giovane piper si è infatti classificato primo sia nello storico evento dello “Stendardo Blu” (bratach gorm in gaelico ndr)

che nella competizione del pibroch libero, trionfando anche nel March, Strathspey and Reel e nella competizione per marce in 2/4. Per il Bratach Gorm ogni piper ha dovuto presentare una lista con sette composizioni di musica alta, conoscendo il brano da eseguire soltanto ventiquattro ore prima dell’evento. La festa grande della Dollar Academy è stata completata dalle vittorie dei premi overall, rispettivamente del Grade B e della categoria Junior, del Pipe Major Andrew Ferguson e della giovane promessa Ruairidh Brown, entrambi membri della prestigiosa accademia del Clackmannanshire: il primo ha fatto della continuità la propria arma vincente mentre il secondo ha ottenuto il primo premio in ognuna delle competizioni della sua categoria. Lo statunitense Nick Hudson si è aggiudicato il titolo complessivo per il Grade A grazie al primo posto nella competizione per Pibroch ed al secondo posto nel March, Strathspey and Reel. Durante la consegna dei premi Beaumont ha confermato che sarà ospite presso la Ipswich Piping Society nel Suffolk, Inghilterra orientale, dove terrà un recital il prossimo 20 Marzo. 

Le origini di tale competizione risalgono al novembre 1732, quando quattordici gentlemen da Scozia ed Inghilterra si riunirono in una delle piccole chiese della City, come si direbbe oggi, per fare rete e per sfidarsi bonariamente a colpi di pibroch. La competizione non ha sempre avuto cadenza annuale ed ha spesso cambiato nome, formato e location: è soltanto dagli anni ’30 che si assegna annualmente un premio, battezzato Bratach Gorm, ma la London Competition, oggi organizzata dalla Scottish Piping Society of London, è ormai divenuta uno dei contest preferiti dai pipers di tutto il mondo e, con la probabile introduzione di una diretta streaming dal 2020, si propone di confermarsi come un passaggio fondamentale per la diffusione della musica e della tradizione di questo magico strumento.

Am Bratach Gorm

  1. Callum Beaumont  – “Lament for the Earl of Antrim”
  2. Iain Speirs – “Cherede Darievea”
  3. Alasdair Henderson –  “The Battle of Auldearn”, No.2
  4. Glenn Brown – “Scarce of Fishing”
  5. Peter McCalister – “The Earl of Seaforth’s Salute”

Open Piobaireachd (The William Gilles Cup)

  1. Callum Beaumont  
  2. Alasdair Henderson
  3. Steven Leask
  4. Roddy MacLeod
  5. Sarah Muir

Premier Grade March (J.B. Robertson Bowl)

  1. Callum Beaumont  
  2. Alasdair Henderson
  3. Willie McCallum

MSR (London Medallion & John MacFadyen Quaich)

  1. Callum Beaumont  
  2. Alasdair Henderson
  3. Willie McCallum
  4. Calum Brown
  5. Pipe Major Ben Duncan

Hornpipe & Jig (The Mary Flora Beaton Cup)

  1. Seumas Coyne
  2. Iain Speirs
  3. Willie McCallum

Overall Champion Piper – Callum Beaumont  

A Grade 

Ceòl Mòr (The R.G. Lawrie Rams Horn Snuff Mull)

  1. Nick Hudson
  2. Derek Midgley
  3. Darach Urquhart
  4. Pipe Major Ben Duncan
  5. Steven Leask

MSR (Strachan Memorial)

  1. Angus J. MacColl
  2. Nick Hudson
  3. Gordon Conn
  4. Innes Smith
  5. Lachie Dick

Hornpipe & Jig (Donald Forbes Medal)

  1. Peter MacGregor
  2. David Wilton
  3. Callum Moffat

Overall (Terry Maginn Trophy ) – Nick Hudson

B Grade 

Piobaireached (John Roe Plate)

  1. Calum Brown
  2. Andrew Ferguson
  3. Alex Gehrig
  4. Callum Wynd
  5. Ashley McMichael

MSR (The London Scottish Hodden Grey Trophy)

  1. Andrew Donlon
  2. Callum Wynd
  3. Dan Nevans 
  4. Andrew Ferguson
  5. Peter McCalister 

Jig (The Hugh MacMillan Trophy)

  1. Finlay Cameron
  2. Scott Wallace
  3. John Dew

Overall (The Angus Nicol Award) – Andrew Ferguson

Juniors 

Ceòl Mòr

  1. Ruairidh Brown
  2. Dugald MacKechnie
  3. Ryan Smart
  4. Abbie Kerr

MSR (British Airways Pipe Band Trophy)

  1. Ruairidh Brown
  2. Ryan Smart
  3. Dugald MacKechnie
  4. Abbie Kerr

Slow Air & Jig (Highland & Islands Society Trophy)

1. Ruairidh Brown

2. Dugald MacKechnie

3. Ryan Smart

4. Abbie Kerr

Condividi-Share
Pubblicato in Articoli, Competizioni, Senza categoria | Lascia un commento

GLENFIDDICH 2019: JOHNSTON CONCEDE IL BIS

di Michele Mele

da bagpipe news

Nella magnificenza della duecentesca Great Hall del castello di Blaire, Pertshire, si è tenuta la quarantaseiesima edizione dell Glenfiddich Piping Championships, universalmente riconosciuto come l’evento più importante del circuito del solo piping. Finlay Johnston di Tiree, nelle Ebridi Interne, si è confermato in gran forma riconquistando il titolo vinto l’anno scorso.

Questa volta però Johnston ha ottenuto il primato overall classificandosi al secondo posto sia nel Pibroch che nel March, Strathspey and Reel: come avrebbe detto un famoso attore napoletano, è la somma che fa il totale. Intervistato dopo la proclamazione dal maestro di cerimonia Gary West, da sedici anni conduttore di Pipeline per la BBC e professore alla Strathclyde University, il vincitore ha espresso la sua incredulità per un obbiettivo che non avrebbe mai pensato di raggiungere nuovamente.

Ogni partecipante ha dovuto fornire con settimane di anticipo una lista con sei pibroch, sei marce, sei strathspey e sei reel; la scelta definitiva è stata fatta mediante sorteggio meno di ventiquattro ore prima dell’inizio della competizione e i pipers hanno conosciuto con esattezza i brani da eseguire soltanto la sera del venerdì che precede il grande evento. Johnston ha eseguito un Pibroch moderno, “Donald Gruamach’s March, composto nei primi anni del XX secolo, ma tra i dieci brani di cèol Mor dei partecipanti, ovvero i vincitori dei principali trofei negli ultimi dodici mesi e tre pipers invitati grazie al loro piazzamento al secondo posto in alcune di tali competizioni, non sono mancati pibroch risalenti fino anche al medioevo come “Scarce of Fishing” la cui prima registrazione scritta risale alla prima decade del XV secolo nella contea scozzese del Caithness.

Il canadese Glenn Brown ha conquistato il primo piazzamento nella categoria Pibroch con una struggente interpretazione di “Farewell to the Queen’s Ferry” mentre il ventiduenne Connor Sinclair, debuttante a Blaire Atholl grazie alla vittoria della Gold Medal al Northern Meeting ad Inverness a fine Agosto, si è classificato primo nella sezione March, Strathspey and Reel con un energetico set dcon sia brani tradizionali che moderni.

La Balvenie Medal, premio assegnato alle figure che si sono distinte nella promozione del piping in Gran Bretagna e nel mondo, è stata quest’anno assegnata ad Anne Spalding, insegnante e giudice di competizioni che ha spesso viaggiato dalle Highlands al Dorset per lavoro senza richiedere rimborsi o compensi, mossa soltanto dall’amore per lo strumento e la sua secolare tradizione. 

Gli organizzatori hanno confermato che quest’anno il Glenfiddich Piping Championships è stato seguito in streaming sul sito del National Piping Centre da più di seimila persone in ventisette paesi diversi, incluse nazioni dove la cornamusa non è certo uno strumento consolidato, come Lettonia, Ecuador e Uganda; un notevole sucesso per la promozione delle Highland pipes nel mondo.

Il prossimo weekend a Londra si assegnerà un posto per il Glenfiddich 2020: si terrà infatti la London Competition, il più antico evento del circuito del solo piping che si tiene, sebbene abbia cambiato nome e format e abbia subito alcune interruzioni nei secoli, sin dal 1732.

PIBROCH
1. Glenn Brown – “Farewell to the Queen’s Ferry”
2. Finlay Johnston – “Donald Gruamach’s March”
3. Ian Speirs – Scarce of fishing”
4. Jack Lee – “The Lament for the Laird of Anapool”
5. Connor Sinclair – “Lachlan MacNeil Campbell of Kintarbert”




MSR
1. Connor Sinclair – “Major Manson’s Farewell to Clachantrushal/ Susan MacLeod/ Broadford Bay”
2. Finlay Johnston – “Inverlochy Castle/ Cat Lodge/ The Smith Chillichassie”
3. Niall Stewart – “P.M.J. McWilliams/ Glentruim/ Ca’ the Ewes”
4. Calum Beaumont – “The Stirlingshire Militia/ Lady Louden/ The Little Cascade”
5. Stuart Lidell – “Mrs. John MacColl/ The Shepherd’s Crook/ John Morrison of Assynt House”

Condividi-Share
Pubblicato in Competizioni, Senza categoria | Lascia un commento

B.I.G. Gathering 2019

Il gathering è giunto alla fine e resta un po’ di vuoto in tutti noi.

Questa’anno è stato particolarmente intenso con tantissimi partecipanti, ospiti di prim’ordine: Roddy MacLeod, Craig Muirhead, Gus Sicard e Alberto Massi. Partecipanti venuti da lontano come Michael McClanathan dagli USA. Tutto molto positivo e devo dire con soddisfazione un bel concerto dove possiamo affermare di aver fatto un passo avanti nel suono e nella qualità.

Lascio ora la parola ai partecipanti al gathering che hanno voluto lasciare una loro impressione. Ringraziando Francesco Toiati per il montaggio del video

Giorgia, Corrado e Salvo che erano al loro primo gathering e Giancarlo navigato piper oramai da molti anni ospite del gathering e della Spring School.

Corrado:

Sono Corrado di Bergamo e vorrei condividere con te le mie impressioni sul Gathering 2019, appena concluso.

Ho iniziato a suonare la cornamusa due anni fa, ovviamente il primo anno solo practice chanter quindi la pipe dal settembre dello scorso anno. Non avendo potuto partecipare al Gathering dello scorso anno e nemmeno alla Spring di questa primavera, questa è stata la mia “prima volta”

Dagli amici “allievi con barba” e dal mio Maestro Arturo, veterani degli eventi da voi organizzati, avevo avuto entusiastiche presentazioni ed in effetti tutto ciò che mi avevano detto si è avverato, anche nel divertimento!!

È stata una esperienza fantastica: mai mi sarei immaginato di riuscire a suonare in gruppo sebbene il venerdì pomeriggio, sulla spiaggia, ne abbia combinate di tutti i colori; è stato un crescendo di fiducia iniettata nei mie polmoni, ma soprattutto nella mia testa.

Il concerto a Livorno è stata la mia prima esibizione in pubblico e li ho potuto lasciar andare tutto ciò che avevo, nel limite del repertorio che mi sentivo nelle dita. Ti confesso che alla fine ero talmente emozionato che mi si sono ingrossati gli occhi dalle lacrime: troppo felice!!!!

Ho anche partecipato alla Competition nella sezione Tune e mai mi sarei immaginato di arrivare sul podio: riesci ad immaginare la mia felicità?

Ancora adesso sto rileggendo le note di Alberto, tanto preziose quanto importanti per la mia crescita come piper.

Ho una sola domanda da farti: il programma della Spring è già uscito? J J

Un grande grazie quindi a Te, Alberto, Roddy, Craig, a tutto lo staff ed a tutti i nuovi amici

Un grosso abbraccio e a presto

Corrado

Giorgia:

Le aspettative per questo mio primo Gathering erano molto alte, avevo sentito storie divertenti e surreali dell’atmosfera di festa, musica e pazzia di questo appuntamento e a dire il vero ero anche un po’ spaventata. Conoscevo poche delle persone presenti e non sono di certo una brava piper. Ma dal momento del mio arrivo a Calambrone tutti i dubbi si sono dissipati, un’accoglienza calorosa e l’atmosfera era davvero familiare, di festa, persone che condividono una grande passione che riempie differenze di età, provenienza e stili di vita. Le doti musicali? Relativamente importanti, ognuno aveva la sua occasione per esprimersi, provare e partecipare. Un occasione unica per ascoltare e conoscere alcuni tra i più bravi pipers italiani e scozzesi e potersi confrontare direttamente con loro.

Unica nota dolente? E’ durato troppo poco!

Salvo:

Salve a tutti i soffiatori, a distanza di tre giorni dalla fine del raduno toscano colgo l’occasione per scrivere quattro righe su quello che ho provato durante questi tre meravigliosi giorni. Volevo ringraziare tutti, nessuno escluso, per la magnifica accoglienza nonostante per la maggior parte fossi uno sconosciuto; un grazie particolare ai maestri Roddy, Alberto, Craig e Gus, vere leggende viventi, che si mettono a disposizione di tutti senza risparmiarsi, sembrerà una frase banale ma per chi li incontra per la prima volta é condizione essenziale per mettere a proprio agio qualsiasi allievo, dal più virtuoso ad un principiante come me.

Grazie mille a Gianluigi che mi ha torturato un anno per convincermi a partecipare, grazie al mio insegnante Giankapipa per le lezioni su Skype, ai ragazzi che con i loro consigli mi hanno insegnato qualcosa in più rispetto a prima.

Un grazie esponenziale a Riccardo e Raffaele per la bellissima organizzazione.

Buon soffio e arrivederci alla spring school. 

Giancarlo:

giovedì mattina inizia come tanti altri, con un paio di ore di lezione.

Lezione al parco, sulla bagpipe, quindi il caffé lo prendiamo al bar e via verso il Lambro.

Il tempo di accordare Chanter e bordoni, e si inizia a suonare. Dopo circa un’ora, dalle fronde, ecco comparire anche Umberto, con il quale viaggerò verso Calambrone.

Si accorda anche lui e passiamo l’ora successiva suonando in tre. I tre chanter insieme sparano fuori tutte le armoniche nascoste, e l’aria si riempie di aspettative. Intuiamo appena quello che ci aspetta per il weekend.

Ormai è ora di pranzo, e cosa c’è di meglio che una passeggiata, verso la miglior pizzeria di zona, per stimolare l’appetito…

Dopo pranzo c’è giusto il tempo per un caffè, lasciamo Daniele ad i suoi impegni e veniamo raggiunti da Andrea. Tre ore ci separano dalla Toscana, ma il primo convoglio è partito!

Arriviamo verso le diciannove, subito seguiti da altre due macchine, così senza perdere tempo ci fiondiamo di nuovo al ristorante, stavolta pizza fritta. Si mangia, si chiacchiera e poi prendiamo le rispettive stanze. Il tempo di posare i bagagli e ci ritroviamo al teatro della struttura che ospiterà il 17esimo B.I.G. Gathering. Siamo otto e ci conosciamo già tutti da un po’, accordiamo le pipes e diamo fiato alle sacche. Le tre Highland bagpipe della mattina sembrano uno scherzo, adesso siamo otto e il teatro si riempie in un’unica bolla di suono capace di scacciare qualunque negatività. Intanto fa la sua apparizione anche Gus Sicard, pluripremiato campione del mondo di snare. Due chiacchiere, tre birre e tutti a nanna, domani inizia il Gathering.

Il venerdì ci vede tutti svegli ed attivi, dopo colazione gli ultimi preparativi, manifesti, bandiere di Italia, Scozia e Bretagna. Chi monta il proiettore, chi va a Pisa a prendere i siciliani attivati in aereo. Altri giungono autonomamente e dopo un aperitivo, tutti a tavola, anzi i tavoli, visto che nel frattempo siamo aumentati. E mentre prendiamo il caffè compaiono anche gli insegnanti: Roddy MacLeod MBE e Craig Muirhead, accompagnati da Margaret, dalla Scozia. Alberto Massi dalla Toscana.

Qualcuno svolge le formalità burocratiche, altri suonano già, rendendo più arduo il compito dei primi, ma tant’è. Il 17esimo B.I.G. Gathering, organizzato dal B.I.G (Bagpipe Italian Group) ed A.P.I. (Associazione Pipers Italiani) è ufficialmente iniziato. Per prima cosa un po’di esercizio sui practice chanters per rivedere insieme il repertorio scelto per la massed band. Poi, dopo aver accordato un numero imprecisato di strumenti (a nessuno è ancora venuto in mente di contarci), la prima prova tutti insieme. Si continua con la proiezione di un film sulla Spirit of Scotland Pipe Band, e prima di cena, radunato anche il drum corp, ci trasferiamo tutti in spiaggia…no, non per fare il bagno, bensì le prove di marcia in massed band, coccolati dall’ultimo sole del venerdì, e guidati da Roddy e Craig. A questo punto tutti liberi per un po’, chi a guardare il tramonto, chi a fare finalmente il bagno, chi l’aperitivo al bar. Dopo cena di nuovo tutti in teatro. Si suona assieme, si suona da soli e si suona a piccoli gruppi. Insomma si suona e si fa festa, si sta assieme e ci si diverte ben oltre l’ora elegante…gli ultimi arrivano tra le tre e le quattro di notte, e guarda caso, trovano ancora un bel gruppetto sveglio e festaiolo. Spuntano Pive emiliane, whistles e uilleann pipes, cambia la musica ma si fa ancora festa, più o meno fino allo svenimento.

Il  sabato inizia con lo studio di un piccolo Retreat in 3/4 a più voci, nulla di troppo impegnativo, adatto a tutti i livelli. Questo è un Gathering, non una School, quindi niente divisione in classi, stiamo tutti insieme ed assieme lavoriamo.

A seguire, con Alberto, ripassiamo ancora una volta il repertorio, ci accordiamo sulle chiusure dei brani e l’ordine della scaletta. Il pomeriggio approfittiamo del retro del Regina Mundi per dividerci in due gruppi ed esercitarci ulteriormente sul marching. È quasi ora di cena, quindi ci disperdiamo per ritrovarci pronti alle 20:30. A questo punto sappiamo quanti siamo. Ognuno con i colori suoi, o della pipe band di provenienza, in quarantatre cornamuse, due gran casse e quattro rullanti saliamo sul bus alla volta di Livorno. Giunti in città ci si divide in tre gruppi per velocizzare l’accordatura di tutti i chanter e bordoni, poi in formazione, al ritmo del drum corp, avanziamo verso il quartiere Venezia. Partono anche le pipes, il suono è potente, pulito, compatto. Sembra uno stato solido della materia. 6 percussionisti e 43 pipers marciano come un sol uomo.

Entriamo in chiesa e ci disponiamo ad arco. Inizia lo spettacolo. Roddy MacLeod, Alberto Massi e Craig Muirhead, i nostri tre solisti, alternano set indimenticabili a quelli della massed band, composta da pipers di tutti i livelli…. eppure ho come l’impressione che l’applauso più lungo lo porti a casa Gus Sicard con un roccambolesco assolo di rullante.

Strike in e cut off sono puliti, la massed band fa il suo lavoro egregiamente, i solisti sono funambolici e tutto il concerto si svolge in pieno ritmo, il pubblico che ha riempito all’inverosimile la chiesa è entusiasta. 

Ma i suonatori di cornamusa sono gente meticolosa, si sa. Così prima di andare via rimettiamo pure a posto le panche della chiesa di Santa Caterina.

Se all’andata l’atmosfera sul bus era contenuta, forse per l’emozione che sempre precede uno spettacolo, al ritorno non ci sono più freni inibitori, la gioia e la soddisfazione non possono più essere contenute ed Alberto, intanto che bus viaggia, ci suona sulla Pipe tutte le sigle dei cartoni animati anni ’80 , che manco Bimbo Mix, per chi sa di cosa parlo…

L’autista capisce la situazione ed intuisce i bisogni, quindi ferma il mezzo proprio in corrispondenza della porta del bar: scendi dal bus ed entri al bar senza mettete piede in strada! La sete è tanta, la voglia di fare festa pure. Portano una torta e partono i cori (è il mio compleanno), qualcuno si alza in piedi e… vabbè qui sorvolo e vi rimando ai video.

Ma tutto prima o poi deve finire, ed il bar deve chiudere…allora ci trasferiamo in teatro poiche si, tutto deve finire, ma quando lo diciamo noi, e noi diciamo che la festa continua. C’è un tavolo imbandito d’ogni bene, salami, ciccioli, formaggi ed una mortadella intera, chi ha fame qui la sazia, chi ha sete ha l’imbarazzo della scelta. E poi ancora Great Highland Bagpipes, uilleann pipes, pive, bodhran, gran casse e rullanti. Io, finalmente, alle 6:00 di mattina mi infilo a letto, che alle 9:00 c’è la sveglia e tre ore alla mia età sono come la sufficienza a scuola, il minimo insindacabile.

Domenica colazione e poi ognuno ad accordare il suo strumento per la competizione. L’agonismo in realtà è poco, l’amicizia invece tanta, e la gara è solo una scusa, l’ennesima, per stare e crescere insieme. 

A pranzo l’atmosfera è più pacata, tutti hanno dormito poco negli ultimi giorni, ma il vero motivo è che siamo agli sgoccioli e nessuno vuole andare via. Tre giorni intensi, indimenticabili, alla fine dei quali ogni anno mi ripeto la stessa cosa. Non mi bastano! Ne voglio ancora!

Resta solo il tempo per l’ultimo Poncino (siamo attaccati a Livorno) la premiazione dei vincitori e il giro di saluti. Un po’ alla volta la gente si avvia verso casa. La costa Toscana, forse triste del silenzio e la quiete che ci lasciamo alle spalle ogniqualvolta riponiamo le pipes, ci saluta con un tipico tempo scozzese, ma anche un po’ bretone, insomma…piove. Neanche a rendersene conto e siamo in strada, sulla via del ritorno. Io, i compagni di viaggio ed un incontenibile magone. Dodici lunghi mesi e chissà quante cose dovranno passare e succedere prima del prossimo raduno nazionale dei pipers italiani, e già non vedo l’ora…

Concludo questo mio prolisso resoconto complimentandomi per il lavoro svolto da tutti, ma soprattutto dagli organizzatori che hanno reso possibile tutto ciò. A voi il mio più sentito ringraziamento, non mollate mai ragazzi!!! Ringrazio ancora i Maestri scozzesi che come ogni anno ci hanno supportato, ma anche sopportato, ed infine, ultimo ma non ultimo,  Alberto Massi, che da sempre ci segue, e che ha per l’occasione composto una allegrissima marcia, ormai il tormentone di questa fine estate. 

In alto i calici allora per il B.I.G. e A.P.I. e….brindisino.

Giancarlo Percopo

Condividi-Share
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Gran Concerto 2019

Dopo la massed band, sfiltata dei partecipanti al raduno di cornamuse per le vie della Venezia. Concerto con: Roddy MacLeod direttore del national Piping Centre di Glasgow. Uno dei più grandi interpreti di questo strumento.
Craigh Muirhead uno dei giovani piper emergenti più in vista
Alberto Massi unico italiano ad aver conseguito il diploma di insegnante di cornamusa in Scozia e unico ad aver vinto premi nelle competizioni dedicate alla cornamusa.
Gurvan Sicard affermato suonatore di rullante già campione del mondo con la Inverary & District pipe band.
Ingresso Libero

Condividi-Share
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

BIG GATHERING 2019

English text below italian

Il 17° BIG Gathering dei piper italiani si terrà a Calambrone (Pi), dal pomeriggio di venerdì 20 settembre al pomeriggio di domenica 22 presso la struttura Regina Mundi sulle rive del mare che già ci ha ospitato per la spring school .

Il nostro ospite fisso, ormai divenuto piacevolissima consuetudine, sarà Roddy MacLeod MBE, figura di primissimo piano del piping mondiale e direttore del National Piping Centre, nonché ambasciatore del piping italiano di cui sta seguendo costantemente l’evoluzione.

Come l’anno scorso vogliamo proporre dei “set” di brani che potrete studiare fin dai prossimi giorni –qui trovate gli spartiti sia di questo anno che dell’anno scorso.– e che saranno eseguiti tutti insieme al concerto pubblico del sabato sera che stiamo cercando di organizzare su Pisa sia per il concerto che per la massed band, ma ancora non ci sono certezze. Questi set LI useremo anche per fare pratica durante i giorni del gathering, focalizzando così lo studio su un tema preciso senza disperderci. Naturalmente anche i set dell’anno passato per chi li sa possono venire buoni per la massed…qui trovate gli spartiti sia di questo anno che dell’anno scorso.

Snare Drum stage.

anche quest’ anno sarà presente uno snare drummer  super qualificato ,  Gus Sicard già vincitore , con la Inverery & District Pipe Band dei campionati del mondo di pipe and e Campione di Bretagna con la Bagad Cape Caval.  Preghiamo quindi i pipe major delle bande di informare i loro drummer della presenza dello stage di Snare Drumming al gathering.

BIG Competition: Come sempre la nostra competizione serve a stimolare e a farvi capire  dove lavorare in futuro è CONSIGLIATISSIMMO partecipare.

Sono confermate le tre categorie: pipe tune – marching set 4 parti di marcia, quindi una marcia in 4 parti o due in 2 parti.–MSR (4 parti almeno ciascuno, possibilità di riaccordare dopo la march).

Costi:

Sistemazione Standard:

Pensione completa dalla cena del 20 settembre al pranzo del 22 settembre compresi in camera condivisa (Le camere saranno doppie) con bagno + attività del gathering. Costo 170 € per chi si iscrive entro il 31 luglio, 190 € per chi si iscrive oltre questa data.

Sistemazione Romantic: con accompagnatore/accompagnatrice

Pensione completa dalla cena del 20 settembre al pranzo del 22 settembre compresi per entrambi gli ospiti in camera doppia con bagno + attività del gathering per uno degli ospiti. Costo 290 € per chi si iscrive entro il 31 luglio,   320 € per chi si iscrive oltre questa data.  ( fino ad esaurimento disponibilità)

Nel caso di coppie in cui entrambi partecipano alle attività del gathering (non semplice accompagnatore) iscriversi singolarmente in in stanza condivisa aggiungendo il nominativo dell’altro nella sezione “in camera con” del modulo (caparra per due naturalmente )

Sisitemazione Lone Wolfe: in camera singola Posti esauriti per questa sistemazione

Pensione completa dalla cena del 20 settembre al pranzo del 22 settembre compresi in camera singola con bagno + attività del gathering. Costo 220 € per chi si iscrive entro il 31 luglio  240 € per chi si iscrive oltre questa data. ( fino ad esaurimento disponibilità) Vista la scarsa disponibilità di stanze singole attendete la conferma proma di effettuare il bonifico

al momento della prenotazione è richiesta una caparra di € 90 o € 120 in caso di sistemazione con accompagnatore che non sarà restituita in caso di  assenza da versare tramite bonifico da versare sull’ iban indicato nel modulo

MODULO DI ISCRIZIONE⇒

Programma di massima e Regole Competition

English Text

The 17th BIG Gathering of Italian pipers will be held in Calambrone (Pisa), from the afternoon of Friday 20 September to the afternoon of Sunday 22nd at the Regina Mundi Holiday House that has already hosted us for spring school.We are delighted to announce our continuing partnership with the National Piping Centre in Glasgow. Our guests include our very welcome, highly regarded and world-renowned piper Roddy MacLeod, principal of the National Piping Centre. He is also ambassador of the Italian piping of which, he is personally monitoring its development.

Like last year we want to propose the study of the “sets” of songs that you will be able to study from the next days – here you will find the scores both of this year and of the last year. that we are trying to organize on Pisa both for the concert and for the massed band, but there are still no certainties. We will also use these sets to practice during the gathering days, thus focusing the study on a specific theme without losing ourselves. Of course, even last year’s sets for those who know them can come good for the massed … here you will find the scores of both this year and last year. Link To download music page.

Snare Drum Stage

Also this year there will be a super qualified drummer teacher, Gus Sicard, former winner, with the Inverery & District Pipe Band of the world championships of pipe band and Champion of Brittany with the Bagad Cape Caval.

BIG Competition: we confirm the usual three categories: pipe tune – marching set  (4 parts, so either 1 four-part or 2 two-part tunes) – MSR (at least four parts each, possibility of tuning after the march).

Tarif

Standard shared in double room

Full board , from the dinner on 20thto the lunch on 22nd in a shared double en-suite bedroom + gathering activities) 170 € for those registering by 31st July. 190 € for those registering after that date.

Romantic with chaperon in double room

With a chaperon: full board, from the dinner on 20th to the lunch on 22nd for both of the guests in an en-suite double bedroom + gathering activities for one of the guests, 290 € for those registering by 31st July. 320 € for those registering after that date (until the last availability).

In the case of couples  which both participate atgathering activities (not a simple chaperon) register individually in a shared room r(oom are no bigger then a double)by adding the name of the other in the “in room with” section of the form (deposit for two of course)

Lone Wolf  single Room    This accomodation is Sold Out

Single bedroom. Full board from the dinner on 21st to the lunch on 23rd included, in a single en-suite bedroom + gathering activities, 220 € per those registering by 31st July; 240€ for those registering after that date (until the last availability).

The application form should indicate that a 90 € deposit + 30 €  if  if you choose the accommodation with chaperon. (not refundable) has been done to the API bank account (IBAN code shown in the application form).

REGISTRATION FORM⇒

Provisional Program and competition rules

Condividi-Share
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Bagpipe Player Software by Doug Wickstrom

Bagpipe Player Software by Doug Wickstrom

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Bagpipe Player Software by Doug Wickstrom é uno dei più conosciuti software la scrittura musicale per pipes. Sfortunatamente funzionava solo su vecchie versioni di Windows da 95 a NT a volte su XP a 32 bit. Tempo fa avevo creato una versione portabile che girava su una virtual machine, ma per molti era complicata da usare. Sono felice di annunciare che adesso ho creato un installatore per far funzionare bagpipe Player Player anche su Windows 7 – 8 – 10 32 e 64 bit. Lo potete trovare a questo indirizzo :
http://www.bagpipe.it/…/bagpipe-player-software-by-doug-wi…/
Si prega di leggere attentamente le avvertenze!

Se invece vi interessa anche la versione Portable, che funziona caricandola in una chiavetta Usb e inserendo la chiavetta in un computer avrai il programma a disposizione.  Togliendo il flash drive ogni traccia del programma sparirà dal computer ospite.

La troverai qui

Versione Portable

 

English Language

 

Bagpipe Player Software by Doug Wickstrom is one of the most popular bagpipe music writing software. Unfortunately it worked only on older versions of Windows from 95 to NT sometimes on XP 32-bit. Some time ago I created a portable version that ran on a virtual machine, but for many it was complicated to use. I am happy to announce that now I have created an installer to run bagpipe player Player also on Windows 7 – 8 – 10 32 and 64 bits. You can find it at:
http://www.bagpipe.it/…/bagpipe-player-software-by-doug-wi…/
Please carefully read the warnings!

If instead you are interested in the Portable version, which works by loading it into a USB key and inserting the key into a computer, you will have the program available. By removing the flash drive, every trace of the program will disappear from the host computer.

Portable version link

 

 

Condividi-Share
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Spring School 2019 in collaborazione con il National Piping Centre di Glasgow

 

 

 

 

Testo in Italiano –  English Text below Italian 

Siamo al completo se volete inserirvi nella lista di attesa mandateci un messaggio tramite il modulo contatti in Home Page

Dal 25 al 28 di Aprile 2019, presso la holiday house  “Regina Mundi”di Calambrone (PI),     

Si terrà la API Spring School on Great Highland Bagpipe in collaborazione con il National Piping Centre di Glasgow .

Durante la Spring School sarà possibile effettuare gli esami PDQB

La località è sul mare nel cuore della toscana in modo che anche eventuali accompagnatori possano passare dei piacevoli momenti di relax o visitando le vicine città d’arte.

Regina Mundi Viale del Tirreno 62      56128 Calambrone – Tirrenia (PI)

Link Google Map

Da Giovedì mattina a Domenica mattina inclusi, gli insegnanti

 

 

 

 

Roddy MacLeod MBE, Wilson Brown e Alberto Massi condurranno le lezioni con piccoli gruppi di livello omogeneo e nella giornata di sabato saranno svolti gli esami PDQB.

Il costo della scuola è differenziato a seconda delle sistemazioni. Sono disponibili tre tipi di sistemazione:

  • Condivisa: sistemazione in stanza doppia con un altro allievo, pensione  completa dal pranzo di giovedì 25 al pranzo di Domenica 28 e Corso  € 350,00
  • Singola: sistemazione in stanza singola, pensione completa dal pranzo di giovedì 25  al pranzo di Domenica 28 e Corso € 400,00 ESAURITE
  • Con accompagnatore  sistemazione in stanza doppia/matrimoniale, pensione completa dal pranzo di giovedì 25  al pranzo di Domenica 28 per entrambi e Corso € 550,00 per entrambi.
  • Chi volesse arrivare la sera prima per trovarsi già sul posto il mattino del 25 potrà richiedere una notte aggiuntiva al prezzo di €28,00 a persona (solo pernottamento)

Il costo dell’esame PDQB non è incluso.

Le iscrizioni dovranno avvenire preferibilmente entro il 28 di Febbraio.

All’ atto dell’iscrizione dovrà essere corrisposta una quota di euro 100 per i corsisti + 50 per eventuali accompagnatori, da versare sull’ IBAN IT95Y0306915602100000001841 intestato a Associazione Piper Italiani . Per ovvi motivi di organizzazione, NON POTRANNO ESSERE RIMBORSATI in caso di impossibilità di partecipare. Il saldo dovrà avvenire il giorno dell’arrivo alla struttura in contanti o altrimenti dovrà essere presentata all’arrivo la ricevuta del bonifico a saldo effettuata entro il 17 aprile. Non è possibile l’utilizzo di carte di pagamento per effettuare il saldo.

Programma di massima in fondo alla pagina

VAI AL MODULO D’ ISCRIZIONE CLICCANDO  QUI

Altrimenti richiedi pure ogni tipo d’ informazione sul modulo al link qui sotto:

Link Modulo Contatto

o manda una mail a

mailto:organizers@italianspringschool.it

 

 

 

English Text

The ente is SOLD OUT at the moment for subscribe the waiting list use Contact form in home page. Thanks

The API Spring School 2019 will be held from April 25th to 28th at ““Regina Mundi”  holyiday house in Calambrone (Pisa)  in collaboration with The National Piping Centre. From Thursday morning to Sunday morning (both included) piping teachers Roddy MacLeod MBE, Wilson Brown  and Alberto Massi will conduct group lessons arranged  in small and homogeneous groups as well as PDQB exam sessions (probably on Saturday).

The accommodation is on the seaside in Tuscany so that even any companion can spend pleasant moments, relaxing or visiting the nearby cities of art like Pisa. Lucca and Florence. The Pisa airport is only 16 km away and the leaning Tower of Pisa at 18 km.

Regina Mundi Viale del Tirreno 62      56128 Calambrone – Tirrenia (PI)

Link Google Map

Three types of accommodation will be available:

  • Shared: accommodation in a double room with another student, full board from lunch on Thursday to lunch on Sunday 29 and school € 350.00.
  • Single: accommodation in single room, full board from Thursday lunch to lunch on Sunday 29 and school € 400,00. Sold out
  • Double: with chaperon, accommodation in a double / twin room, full board from lunch on Thursday to lunch on Sunday 29 for both and school for one  €530,00 for two people.
  • if someone prefers to arrive the night before to be already in place on the morning of April 25 will be able to request an additional night for € 28.00 per person (sleep only)

PDQB Exam fees are not included.

The application form should indicate that a 100 euros deposit + 50,00 if  if you choose the accommodation with chaperon. (not refundable) has been done to the Associazione Piper Italiani bank account (IBAN code IT95Y0306915602100000001841 BIC/Swift : BCITITMM). Please return the form within FEBRUARY 28th. Residual fee to be payed cash on site.

Here is the link to the application form:

https://goo.gl/forms/JD0G3sfSqSRqIDmJ2

Indicative Programme at the end of this page

Please feel free to ask for further info using contact form of our web site

Link to contact form

or email

mailto:organizers@italianspringschool.it

Programma

Condividi-Share
Pubblicato in Corsi, Scuole ed Eventi collegati | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Stage di Rullante Scozzese

Parallelamente alla Bagpipe ’Italian Spring School di cornamusa, che si svolgerà dal 25 al 28 Aprile a Calambrone (Pi) persso la casa vacanze Regina Mundi si terrà uno stage di scottish snare drum. Lo stage sarà tenuto da Mauro Pambianchi, lead Drummer Hearth of Italy Pipe Band e percussionista dei Cisalpiper e di molti altri gruppi Vedi curriculum completo in basso.

Con questo primo stage di “assaggio” cerchiamo di dare la possibilità agli appassionati di percussioni scozzesi di unirsi alla famiglia degli appassionati delle Pipe Band in Italia e creare una crescita parallela sia dei suonatori di cornamusa che di quelli di tamburo. Lo stage si svolgerà nella stessa località dell’italian spring school  of piping. Il costo sarà di solo € 240,00 in camera condivisa (mmax 2-3 persone) tutto compreso. Ovvero pensione completa dal mattino del 25 aprile al pranzo del 28 e stage (inizio ore 10,00 circa con possibilità di arrivo più tardi) chi avesse necessità di dormire in loco sera del 24 per essere già sul posto potrà farlo al prezzo aggiuntivo di € 28,00 Stiamo vedendo se esiste la possibilità di fare un concertino insieme ai piper il Sabato sera, ancora non abbiamo la certezza della disponibilità della sala. Per chi avesse un compagno\compagna iscritto allo italian spring school of Piping che avesse scelto la sistemazione romantic in stanza doppia potrà fare lo stage di drumming aggiungendo solo 40 € ( da comunicarsi nelle note nel modulo d’iscrizione spring school)

Lo stage si svolgerà al raggiungimento di almeno 3 iscritti e verrà comunicato via mail.

Vai al Modulo di Pre-Iscrizione 

Al momento della comunicazione dell’ effettuazione dello stage si dovrà provvedere al pagamento della caparra  di Euro 100,00 tramite bonifico per convalidare l’iscrizione. In caso di rinuncia dell’allievo, la caparra NON potrà essere restituita.

Località dello stage https://goo.gl/maps/uXmJhd8Jvb62

Info anche a
organizers@italianspringschool.it.
Curriculum vitae Prof.  Mauro Pambianchi

Inizia a studiare musica a soli sette anni, ed in particolare la Batteria e la Teoria musicale, con il Maestro Delvino Gilli,
con cui inizierà anche lo studio del Pianoforte e della Fisarmonica, e con il Maestro Gino Merlini.
A otto anni comincia ad esibirsi in concerto, come rullantista e batterista, con la Banda Filarmonica di Voghenza (FE) e
a dieci anni inizia il percorso di apprendimento dei ritmi tradizionali e da ballo con l’Orchestra Le Sette Note (di
Portomaggiore – FE) e in seguito con altre orchestre.
All’età di undici anni comincia l’approfondimento e la specializzazione nelle tecniche della batteria e dei vari generi
musicali con il Maestro Stefano Franchi.
A quattordici anni supera l’esame di ammissione al Conservatorio di Musica “G. Frescobaldi” di Ferrara, dove si
diplomerà a ventidue anni e con il massimo dei voti, in strumenti a percussione sotto la guida del Prof. Bruno Cabassi.
Durante gli otto anni di Conservatorio e i due anni supplementari di specializzazione per l’insegnamento, ha modo di
approfondire l’attività concertistica in ambito classico e contemporaneo con vari gruppi musicali da camera, l’
Orchestra Sinfonica del Conservatorio, l’ Orchestra Estense, l’Orchestra Dante Alighieri di Ravenna, il Quartetto di
Percussioni del Conservatorio di Ferrara e l’ A Rythmic Percussion Trio.
Per specializzarsi ulteriormente sugli strumenti a percussione segue vari seminari di batteria, percussioni, vibrafono e
marimba con Saverio Tasca, Mike Quinn, Massimiliano Govoni, David Friedman, Alessandra Belloni, Neibosa Jovan
Zivkovic, Christian Meyer ed Ellade Bandini.
Dal 1993 al 2002 si esibisce come percussionista nel gruppo “Giovani ’90”, compagnia teatrale che, proponendo vari
musical (Hair, The Lion King, Cats, e molti altri), effettuerà varie tournée in Italia e negli Stati Uniti (1995-’97-’98-’99)
con la partecipazione di artisti di fama internazionale (Andrè De La Roche, Howard Ray, Grazia Galante, Lucio Dalla,
The Singing Disciples Gospel&Spirituals).
Nel 1997 partecipa con la Banda Filarmonica di Rosolina (RO) ai Concerti per la Pace in Croazia, un anno dopo la fine
della guerra nella ex Jugoslavia.
Nel 1998 viene scelto come percussionista per l’ Orchestra Giovanile Italiana, dopo aver sostenuto e superato il relativo
concorso tenutosi presso la sede Rai di Roma.
Nel 1999 fonda il Lou-d Cage, gruppo di percussioni etniche e sperimentali, con il quale vincerà nel 2005 e 2006 il
concorso per musicisti di strada di Matadepera, Barcellona (Spagna). Nel 2007 il gruppo sarà poi premiato, come
miglior gruppo partecipante su 237 complessivi, durante la ventesima edizione del Buskers Festival di Ferrara.
Sempre con il gruppo Lou-d Cage riceverà il premio come “Gruppo più Originale” nella sezione Musica, durante
l’edizione 2010 del Buskers Festival della Città di Aosta.
Dalla metà degli anni ’90 si esibisce come percussionista, batterista e vibrafonista in diverse formazioni da camera e
gruppi di musica leggera, jazz, blues, rock, con la Big One Band di Voghenza e il gruppo latin jazz Blue Quartet.
Dal 2002 è percussionista nella compagnia di teatro/ragazzi di Ferrara “IL BAULE VOLANTE”, collaborando nella
realizzazione delle musiche della fiaba africana “Il Sogno di Tartaruga”, che nel 2018 ha superato le 900 repliche,
vincendo anche numerosi premi nazionali.
Nel 2004 è tra i fondatori, nonché percussionista, pianista e batterista del gruppo di musica folk e celtica Cisalpipers,
con repertorio di musiche tradizionali di tutta Europa e di brani inediti del gruppo stesso. Il gruppo Cisalpipers è tutt’ora
riconosciuto come uno dei più originali e innovativi nel panorama folk italiano.
Al 2018 il gruppo si esibito in Italia, Francia e Scozia con oltre 850 performances all’attivo.
Dal 1994 svolge attività di insegnante di batteria e percussioni (classiche ed etniche) in varie Scuole di Musica della
provincia di Ferrara e Ravenna. Ha insegnato batteria e percussioni presso l’Istituto Alberghiero di Lido degli Estensi
(FE) e presso il Liceo Classico Ariosto di Ferrara.
Dal 2000 al 2003 ha insegnato Propedeutica Musicale presso le Scuole per l’Infanzia di Argenta, Longastrino, Filo e
Ospital Monacale (Ferrara) e presso le Scuole Elementari di San Biagio e Santa Maria Codifiume (Ferrara).
Tiene seminari e lezioni-concerto in vari istituti scolastici ed è attivo come compositore per strumenti a percussione
(alcuni brani sono stati eseguiti in prima assoluta al Teatro Comunale di Ferrara), oltre ad essere uno dei compositori
delle musiche dei Cisalpipers.
Collezionista di strumenti a percussione etnici originali provenienti da tutto il Mondo (più di 500 oggetti), ha tenuto e
tiene tutt’ora esposizioni e concerti sulle percussioni etniche e sperimentali.
Dal 2001 è collaboratore endorser per Ufip, fabbrica di piatti musicali, tam tam e gong di Pistoia.
Nell’ottobre del 2018 ottiene il certificato di quarto livello in Scottish Snare Drum presso il National Piping Centre di
Glasgow (Scozia), dopo aver frequentato lezioni con gli insegnanti Eilidh Young e Gus Sicard.
Nello stesso anno comincia la collaborazione con la Heart of Italy Pipe Band come lead drummer e con l’associazione
culturale Le Cornamuse di Reitia (Veneto Piping School) come insegnante di Pipe Band Drumming.
Condividi-Share
Pubblicato in Corsi, Scuole ed Eventi collegati, Senza categoria | Lascia un commento

Merry christmas and happy new year


 

 

 

Whish you a merry christmas and happy new year

Condividi-Share
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Perché il pitch sale con l’aumentare della temperatura? Why the pitch rise when the temperature increases?

L’ articolo è in formato pdf quanto contenendo formule ed immagini è più facilmente leggibile. Per ingrandire e scorrere le pagine utilizzare i pulsanti in fondo al riquadro.
The article is in pdf format as containing formulas and images is easier to read. To enlarge and scroll through the pages use the buttons at the bottom of the box. The English translation is below the Italian part at page 3. Translation by Mosè Giaretta pitchTemperaturaBiling
pitchTemperaturaBiling
Condividi-Share
Pubblicato in Lo Strumento | Lascia un commento