IL PIPING AL TEMPO DELLA PANDEMIA, TRA CANCELLAZIONI, RINVII E STREAMING ONLINE

Il mondo del piping non poteva restare indifferente alla pandemia in corso: il 2020 sarà probabilmente ricordato come l’anno dello stravolgimento del calendario e delle soluzioni originali per portare avanti il maggior numero di eventi.

Tutti e cinque i major per le pipe band sono stati annullati, così come il piping Live Festival, una grande perdita per le casse della città di Glasgow e per tutte le altre realtà coinvolte nell’organizzazione di tali eventi. Finlay MacDonald, nuovo direttore del Piping Live Festival e del National Piping Centre, si è espresso in favore di tali misure, invitando gli appassionati a sostenere il mondo della cornamusa seguendo le tante iniziative benefiche che si possono reperire in rete sui canali ufficiali.

L’Australian Pipe Band Championships e l’All Ireland Championships sono stati rinviati rispettivamente ad inizio ottobre e metà novembre, nella speranza di un miglioramento della situazione, non escludendo la possibile cancellazione per quest’anno. Imminente la posticipazione o la cancellazione dell’Argyllshire Gathering e del Northern Meeting.

Ci sono però, nonostante il quadro sia decisamente a tinte fosche, alcune buone notizie. Il CLASP organizzato dal National Piping Centre si è svolto online, registrando un boom di partecipazioni. Simili soluzioni sono state adottate anche per la competizione promossa dalla United States Pipe Foundation, la World Solo Piping and Drumming Competition, la Members Competition della Scottish Piping Society of London ed altri eventi del calendario del solo piping.

Molti artisti stanno registrando video o promuovendo recital online: Malin Lewis, Rory Campbell, Callum Armstrong e Brighde Chaimbeul hanno già ottenuto un ottimo successo in rete, altri, tra cui Ali Hutton e Fred Morrison, sono pronti a seguire il trend. 

Infine va menzionata la geniale idea della G1 Reeds che ha creato un prodotto igienizzante per le ance della cornamusa, per poi scoprire la sua utilità in campo medico ed iniziare a produrlo in quantità anche per gli ospedali britannici.

Articolo di Michele Mele

Condividi-Share
Pubblicato in Senza categoria | 1 commento

Spring School/Gathering 2020

Partecipanti Gathering 2018

Visto l’annullamento della Italian spring school of piping causa coronavirus valutiamo l’potesi di unire Spring e gathering . Il Gathering, a meno che questa situazione di emergenza non continui, si svolgerà dal 18 al 20 settembre.  Stiamo cercando di capire se è possibile aggiungere un giorno e mezzo ovvero il giovedì 17 e il venerdì mattina alle normali attività del Gathering per fare in modo di creare quello che è un mix tra Gathering e Spring School non siamo in grado fin da ora di capire se ciò sarà possibile, Bisogna vedere se gli insegnanti del National piping Center sono disponibili e se ci sono anche un numero di allievi sufficienti, nonché la possibilità di organizzarlo  nella struttura che ci ospita per il Gathering. Quindi per noi è estremamente importante capire se c’è una richiesta da parte degli eventuali allievi alla nostra proposta. Vi mandiamo il link di un modulo e vi preghiamo di compilarlo. (chi ha già ricevuto il modulo via mail non lo riempia ). Per noi è molto importante capire se esiste un interesse per questa iniziativa. LINK AL MODULO

Condividi-Share
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Pietro Onnis ci ha lasciato.

L’Associazione Piper Italiani ed Il Bagpipe Italian Group Si associano al dolore della famiglia per la scomparsa di quello che, possiamo tranquillamente affermare sia stato il primo piper italiano.

In ricordo di Pietro Onnis.

Il contrammiraglio Pietro Onnis

Il Contrammiraglio di Ruolo delle Armi Navali era nato a Torino il 6 Dicembre 1929 e si è spento a Livorno il 22 Gennaio 2020. Si era innamorato dello strumento durante la sua prima crociera a bordo della nave “Vespucci” quando giunsero ad Edimburgo nel 1948. Nel 1951 si era fatto spedire lo strumento che dovette imparare ad assemblare senza l’aiuto di nessun tipo di istruzioni così come accadde per l’apprendimento della diteggiatura che risultò invertita rispetto al canone, ossia con la mano del braccio a contatto della sacca posta in basso. Resta a testimonianza di tutto ciò uno foto di Onnis che suona sul ponte della sua nave, pubblicata in un numero del Piping Times dei tardi anni ’50. Le difficoltà notevoli dovute all’essere un completo autodidatta non gli impedirono di continuare a coltivare con regolarità questa sua passione, riuscendo anche a formare attorno a lui un piccolo  gruppo di piper livornesi

Onnis con lo storico gruppo livornese
Onnis con lo storico gruppo livornese

e fornendo sempre a chiunque glielo chiedesse informazioni utili per iniziare lo studio della Grande Cornamusa delle Highlands, mai in questo atteggiandosi a maestro e schermendosi anche di fronte al fatto accertato di essere stato il primo in Italia a suonare questo strumento. Restano indimenticate le sue battaglie all’ultimo sangue con ance e legature! Grande amico di tutti, sempre sorridente ed entusiasta, ha partecipato a numerosi Gathering cogliendo e sostenendo lo spirito di comunità che da sempre unisce i piper italiani, che simpaticamente chiamava “tutti figli miei”. Al Contrammiraglio Onnis, alla sua famiglia e alla “sua pipe band” l’affettuoso saluto di tutti noi.  

Condividi-Share
Pubblicato in Prima Pagina | Lascia un commento

Italian Spring School 2020

Italian Spring School 2020 ANNULATA

Calambrone (Pi) 7-10 maggio


Italiano
english language below

Causa Covid 19 la spring è stata annullata…

Anche questa’anno l’Associazione Piper Italiani – Bagpipe Italian Group organizza in collaborazione con il National Piping Centre di Glasgow l’Italian Spring School of Piping. Saranno presenti 3 insegnati Wilson Brown, Finlay MacDonald e Alberto Massi . I corsi sono aperti a tutti i livelli di conoscenza dal principiante al piper esperto.

La Spring School inizierà alle 9:30 del 7 maggio e terminerà con il pranzo del 10 maggio. Si svolgerà presso l’ Holiday House il Cenacolo via Monsignor D. Aiazzi 4 Calambrone Pisa.

Durante il corso sarà possibile effettuare gli esami PDQB.

Quest’anno per problemi logistici non riusciremo a fornire le camere singole ai partecipanti. Chi per particolari esigenze avesse l’assoluta necessità di una camera singola potrà richiedere la camera doppia uso singola, non siamo in grado in questo momento di quantificare la maggiorazione . Visto che i posti esterni potranno essere pochissimi anche per non creare problemi alla struttura alberghiera che ci ospita chi avesse questa inderogabile esigenza ci contatti tramite il form di contatto del sito Vai al Form nella risposta vi diremo anche il costo extra dopo aver interpellato l’ hotel Anche le sistemazioni con accompagnatore saranno purtroppo limitate.

Chi volesse usufruire di notti extra, arrivando la sera prima o partendo il lunedì potrà farlo pagando un supplemento. Nel caso di notte extra non è possibile usufruire della cena nella struttura, ma si potrà facilmente cenare nei numerosi locali della zona.

Prezzi:

Sistemazione Standard: Pensione Completa per una persona dal 7 al 10 pranzo domenicale compreso in stanza condivisa tripla con bagno + corso € 380,00.

Sistemazione Confort: Pensione Completa per una persona dal 7 al 10 pranzo domenicale compreso in stanza condivisa doppia con bagno + corso € 410,00.

Sistemazione Romantic con accompagnatore: Pensione Completa per due persone dal 7 al 10 pranzo domenicale compreso in stanza doppia con bagno + corso per una persona € 595,00.

Notte extra: € 30,00 (mercoledì 6 o domenica 7).

Modalità di prenotazione e pagamento:

La prenotazione è obbligatoria e si effettua riempiendo il modulo a questo link: MODULO.Perché la prenotazione sia valida è necessario effettuare il pagamento della caparra di € 100,00 ( 150,00 per chi viene con accompagnatore) entro e non oltre 15 giorni dall’iscrizione con bonifico bancario all’IBAN indicato sul modulo ed in ogni caso non oltre il 31 marzo 2020.

il saldo avverrà all’inizio della spring school in contanti. La tassa per l’ esame PDQB dovra essere corrisposta in contanti algli esaminatori.

La caparra non verrà restituita in caso di assenza.

english language

Also this year the Associazione Piper Italiani – Bagpipe Italian Group organizes the Italian Spring School of Piping in collaboration with the National Piping Center in Glasgow. We will have 3 teachers Wilson Brown, Finlay MacDonald and Alberto Massi.

Tuition are open to all levels of bagpipe knowledge from beginner to expert piper.

Spring School will begin at 9:30 am on May 7th and will end after lunch on May 10th at Holiday House Il Cenacolo via Monsignor D. Aiazzi 4 Calambrone Pisa

During the Spring School it will be possible to take the PDQB exams.

This year, due to logistical problems, we will not be able to provide single rooms for the participants. . Who for particular needs had the absolute necessity of a single room you can request the double room for single use, we are unable to quantify the surcharge at this time. The places for this type of accommodation may be very few, also in order not to create problems for the hotel that hosts us, those who have this mandatory requirement contact us via the site contact form of this web site Form. In the answer we will let you know the extra charge

Even accommodations with chaperons will, unfortunately, be limited.

Anyone wishing to take advantage of extra nights, arriving the night before or leaving on Monday can do so by paying a supplement. In the case of an extra night it is not possible to have dinner in the hotel, but you can easily dine in the many restaurants, pubs etc. in the area.

Prices:

Accommodation Standard in triple shared room:

Full board for one person from 7 to 10 Sunday lunch included in a shared triple room with bathroom ensuite + tuition € 380.00.

Accommodation Confort in a shared double room: Full board for one person from 7 to 10 Sunday lunch included in a shared double room with bathroom ensuite + tuition € 410,00.

Accomodation Romantic with chaperon: Full board for two people from 7 to 10 Sunday lunch included in a double room with bathroom ensuite + tuition for one person € 595.00.

Extra night: € 30.00 (Wednesday 6 or Sunday 10)

Booking and payment methods:

The reservation is mandatory and is done by filling out the form at this link: FORM. For the reservation to be valid it is necessary to pay the deposit of € 100.00 (150.00 for those who come with chaperon) within and no later than 15 days from the registration by bank transfer to the IBAN indicated on the form and in any case not after March 31, 2020.

The remaining payment will be made at the beginning of the spring school in cash.

The fee for PDQB exam will be payed cash to the examinator.

The deposit will not be returned in case of absence.

Programma-Programme

Indicativo Indicative

7 Maggio

  • Dalle h 9:30 in poi Ritrovo, creazione gruppi omogenei e inizio lezioni. From 9:30 am onwards Check in, arrangement of workshops groups and beginning of lessons. 
  • 13,00-14:30 intervallo pranzo- Lunch break
  • 14:30-19 Lezioni-Lessons
  • 19:30 Cena -Dinner
  • Serata libera-Free evening 

8 Maggio

  • Dalle ore 8:00 in poi colazione-From 8:00 onwards breakfast.
  • h 9:30 inizio lezioni. Beginning of lessons. 
  • 13,00-14:30 intervallo pranzo- Lunch break
  • 14:30-19 Lezioni-Lessons
  • 19:30 Cena -Dinner
  • Serata libera-Free evening 

9 Maggio

  • Dalle ore 8:00 in poi colazione-From 8:00 onwards breakfast.
  • h 9:30 inizio lezioni. Beginning of lessons. 
  • 13,00-14:30 intervallo pranzo- Lunch break
  • 14:30-19 Lezioni o esami -Lessons or exam
  • 19:30 Cena -Dinner
  • 21:00 Serata Libera Free evening

10 Maggio

  • Dalle ore 8:00 in poi colazione-From 8:00 onwards breakfast.
  • h 9:30 inizio lezioni. Beginning of lessons. 
  • 13,00 pranzo- Lunch 
  • Si torna a casa o esami per chi effettua il solo esame per tutor -We go back home

Italiano- English Below italian

Condividi-Share
Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Merry Christmas and Happy New Year.

Associazione Piper Italiani e Bagpipe Italian Group wish you a Merry Crhistmas and a Happy 2020.

Condividi-Share
Pubblicato in Senza categoria, Varie | Lascia un commento

Breve storia delle bagpipe competition

a cura di Michele Mele

Molti sono gli appuntamenti da cerchiare sul calendario per gli appassionati di cornamusa scozzese. Tralasciando per il momento le pipe band, ci concentriamo qui sulla storia delle principali competizioni del circuito del solo piping, quelle che ogni serio piper o amante dello strumento non può perdersi e che tutti noi sogniamo di seguire dal vivo almeno una volta nella vita. Il Glenfiddich Piping Championships è considerato il principale appuntamento ed in questa lista esso e i contest che ne determinano i partecipanti saranno elencati per primi; non si tratta però degli unici appuntamenti in agenda.

  • Il Glenfiddicch Piping Championships è senza dubbio la competizione più conosciuta nonostante sia tra quelle di più recente istituzione. La prima edizione si è tenuta nel 1974 con lo scopo di offrire una vetrina allo strumento e alla sua secolare tradizione. Da sempre si svolge nel duecentesco castello di Blaire Atholl nel Perthshire, spesso preceduto da un concerto che si svolge la sera precedente nella village hall del pittoresco villaggio. Vi partecipano i vincitori dei principali contest dei precedenti dodici mesi, incluso il campione uscente, ed eventualmente alcuni pipers invitati nel caso che un singolo piper abbia vinto più di uno dei premi che garantiscono l’accesso a Blaire Atholl: in tal caso viene invitato uno o più competitor tra i secondi classificati dei suddetti tornei per raggiungere il totale di dieci. Il premio complessivo è dato dalla combinazione di due classifiche, ognuna delle quali garantisce un premio a sé: la competizione del Pibroch e quella del March, Strathspey and Reel. Il Glenfiddich Piping Championships si tiene l’ultimo sabato di Ottobre ed è affiancato da un’analoga competizione per fiddle.
  • Il Northern Meeting si svolge alla fine dell’estate ad Inverness, il più settentrionale tra i principali snodi ferroviari della rete britannica, la cosiddetta “Capitale delle Highlands”. La prima edizione si tenne nel 1788 per volere di tredici gentiluomini delle Highlands e delle Ebridi e poche sono state le interruzioni, dovute a sovrapposizioni con altre manifestazioni o agli eventi bellici del XX secolo. Dal 1864 il parco dell’Eden Court Theatre e poi il teatro stesso sono stati la casa del Northern Meeting, ma purtroppo dopo la seconda guerra mondiale fu necessario trovare una nuova location: tanti sono stati gli hotel e i teatri che la competizione ha adottato come casa prima del definitivo ritorno all’Eden Court nel 1981 grazie al supporto di fondi governativi stanziati da Westminster. Tra i tanti premi assegnati da questa storica competizione, la Silver Star (March, Strathspey and Reel), il Clasp e la Gold Medal (Pibroch) garantiscono la qualificazione al successivo Glenfiddich Piping Championships.
  • La London Competition, oggi organizzata dalla Scottish Piping Society of London, ha il proprio primo precedente in un gathering che coinvolse quattordici gentiluomini da Inghilterra e Scozia nella chiesa di St. Helen nella City, era il 3 Novembre 1732. La competizione ha subito numerose interruzioni e modifiche del format fino a diventare quella che conosciamo negli anni ‘30 con l’istituzione, fra i tanti premi assegnati nella capitale, del Bratach Gorm (competizione di Pibroch) e di un premio overall che garantiscono la qualificazione al Glenfiddich Piping Championships dell’anno seguente, svolgendosi la London Competition il primo weekend di novembre. Nel 2019 questo prestigioso evento si è esteso a due giorni e ha trovato una nuova location nel lussuoso Caledonian Club di Belgravia.
  • L’Argyllshire Gathering nacque nel 1871 come occasione di socializzazione tra gli abitanti di questa storica contea scozzese; è oggi diventato il più fulgido esempio di Highland Games, rinomato in tutto il mondo. Tradizionalmente il presidente della fondazione che organizza l’evento è il Duca di Argyll in persona e la sede abituale della competizione è Oban. Generalmente l’Argyllshire Gathering si tiene subito prima del Northern Meeting, ma dal 2020 i ruoli si invertiranno nel calendario per la prima volta. Tra i premi che si assegnano ad Oban vi sono la Former Winners March, Strathspey and Reel competition, la Senior Pibroch Competition e la Gold Medal (Pibroch), quest’ultima finanziata dalla Scottish Piping Society of London, che garantiscono la qualificazione al successivo Glenfiddich Piping Championships.
  • La Masters Solo Piping Competition è uno degli eventi che costituiscono il Piping Live Festival, evento topico che ogni agosto celebra a Glasgow la musica folk delle isole britanniche. Una forma embrionale della competizione nacque con il primo Piping Live nel 2003; oggi sono presenti una competizione di March,Strathspey and Reel ed una di Pibroch, la combinazione delle due classifiche risulta nell’incoronazione del campione overall che guadagna la qualificazione al Glenfiddich Piping Championships successivo.

Vi sono poi altri appuntamenti che non garantiscono un pass per Blaire Atholl, ma che costituiscono ormai tappe irrinunciabili per i migliori pipers al mondo. 

  • Il Silver Chanter è una competizione di Pibroch che trae il proprio nome da una leggenda secondo la quale una fata donò un chanter d’argento ad un esponente della celeberrima famiglia MacCrimmon di Skye, da allora il piper avrebbe vinto numerosi trofei grazie al magico strumento. Si svolge ininterrottamente dal 1967 ed ha cambiato spesso sede, generalmente alternando Skye a Glasgow, essendo quest’ultima l’attuale location.
  • La Dunvegan Medal, che si svolge annualmente a Portree, è una competizione di Pibroch in cui ai pipers viene richiesto di eseguire soltanto brani composti da esponenti della famiglia MacCrimmon di Skye o ad essi legati.
  • Il Royal National Mod si svolge ogni ottobre a Glasgow nell’ambito di un festival nato nel 1891 che ha ricevuto dalla famiglia reale continuo e diretto supporto fin dal 1992. Il vincitore viene designato dalla congiunzione delle classifiche dei tre premi individuali: pibroch, March, Strathspey and Reel e Hornpipe and jig.
  • Pipe Idol è il nome di una competizione che coinvolge giovani pipers fin dal 2010. Si tratta di uno degli eventi del Piping Live e si svolge con turni ad eliminazione in cui il gruppo dei partecipanti si assottiglia sempre più, fino ad individuare quattro finalisti che solitamente competono per designare il campione nella Royal Concert Hall di Glasgow.

  • La scuola di piping dell’esercito britannico organizza la Captain John macLellan competition ogni settembre ad Edimburgo in un edificio con vista sul Firth of Forth. Sono presenti premi a vari livelli per Pibroch e per March, Strathspey and Reel; la popolarissima competizione di Hornpipe and Jig è invece aperta a piper di tutti i livelli.
  • Strictly Come Piping è una competizione organizzata dalla Scottish Piping Society of London che si svolge sin dal 2008 nella capitale pochi giorni prima delle festività natalizie. Il pubblico decreta il vincitore tra un ristretto numero di competitor invitati, generalmente cinque o sei, che si sfidano con un format spesso variabile, ma che comprende sia Pibroch che altre forme di musica. I proventi della serata vengono interamente donati a cause benefiche come associazioni che supportano persone con bisogni speciali, rifugiati o senza tetto.
  • La Gordon Duncan Memorial Competition è dedicata al compianto compositore e piper di cui porta il nome, si svolge ininterrottamente dal 2007 e ha cambiato spesso location e periodo di svolgimento. Tre piper partecipano alla competizione, un irlandese, un britannico (generalmente scozzese) ed un bretone. I piper si sfidano sui terreni musicali peculiari delle tre tradizioni, designando il vincitore overall dalla congiunzione dei risultati dei tre premi singoli.
  • La P. M. Alasdair Gillies Memorial Competition è dedicata al grande compositore ed interprete delle Highland Pipes di cui porta il nome, una delle figure più influenti del piping moderno, scomparso nel 2011. Ogni partecipante ha trenta minuti per suonare dei set a proprio piacimento, con l’unico obbligo di dover eseguire un March, Strathspey and Reel ed il ground di un Pibroch; il vincitore viene designato da una giuria i cui membri siedono in incognito tra gli spettatori.
  • La Members Competition, organizzata dalla Scottish Piping Society of London , si svolge sin dal 1932, generalmente a Luglio, ed è aperta a tutti i piper non professionisti, contrariamente a quanto il nome sembrerebbe indicare: tra le partecipazioni illustri si ricordano quelle del capo redattore del Times Iverach McDonald, grande appassionato dello strumento, e di piper poi approdati al professionismo come il londinese Jamie Forrester. La sede è piuttosto spesso cambiata, sempre rimanendo nel sud-est d’Inghilterra; l’attuale location è Harpenden, nello Hertfordshire, subito a nord della capitale.
  • La macCrimmon Competition è parte del Festival Interceltique de Lorient, Francia: consiste di un contest di Pibroch che si svolge all’inizio di Agosto  nel capoluogo bretone sin dal 1971.
  • La Chatsworth County Fair Solo Piping Competition, organizzata dalla Scottish Piping Society of London, si svolge nell’ambito di una più grande fiera che ha luogo presso l’omonima residenza elisabettiana e l’attigua tenuta, ai margini della cittadina di Bakewell,  Derbyshire, Inghilterra centrale. Si tratta di una delle più giovani competizioni in calendario ed è affiancata da un analogo contest per pipe band 

Esistono inoltre competizioni ad eliminazione diretta, le Knock-out Competitions, nello stile dei tornei calcistici: ad ogni turno sono previste sfide individuali tra pipers, a due a due sorteggiati per sfidarsi su Pibroch, March, Strathspey and Reel e talvolta anche Hornpipe and jig. Le più famose e prestigiose sono organizzate dalla Scottish Pipers Association, che ne organizza una lungo l’anno solare, e dallo Scots Guards Club, che ne programma una tra l’autunno e la primavera ad Haymarket, Edimburgo.


Al di là dei contest europei, vi sono alcuni pregevoli eventi negli altri continenti tra cui spiccano la Winterstorn Competition a Kansas e la Individual Piping Competition dei Pacific North-West Highland Games nello stato di Washington negli Stati Uniti, la Glengarry Highland Games Solo Piping Competition a Maxville in Canada e la Higland Piping Society of Canterbury SolO Piping Competition e la Labour Weekend Silver Chanter Competition of Christchurch in Nuova Zelanda.

Condividi-Share
Pubblicato in Articoli, Competizioni | Lascia un commento

Bratach Gorm e London Competition 2019 risultati

LONDRA CAPITALE: UNA VALANGA DI PREMI PER LA DOLLAR ACADEMY (di Michele Mele)

L’ottantesima edizione della London Competition che si è svolta, come da consuetudine, durante il primo week end di novembre è stata un notevole successo di pubblico: sia la distribuzione degli eventi su due giorni che il trasferimento nella nuova e lussuosa location del Caledonian Club a Belgravia, a due passi da Buckingham Palace, hanno contribuito nell’elevare nuovamente questo storico evento al rango che merita. L’edizione 2019 ha fatto registrare un record di partecipazioni, essendo aumentati i pipers in competizione e quasi raddoppiata la presenza del competente pubblico londinese. 

Calum Beaumont della Dollar Academy

ha vinto il Bratach Gorm ed il premio complessivo per il Premier Grade: il giovane piper si è infatti classificato primo sia nello storico evento dello “Stendardo Blu” (bratach gorm in gaelico ndr)

che nella competizione del pibroch libero, trionfando anche nel March, Strathspey and Reel e nella competizione per marce in 2/4. Per il Bratach Gorm ogni piper ha dovuto presentare una lista con sette composizioni di musica alta, conoscendo il brano da eseguire soltanto ventiquattro ore prima dell’evento. La festa grande della Dollar Academy è stata completata dalle vittorie dei premi overall, rispettivamente del Grade B e della categoria Junior, del Pipe Major Andrew Ferguson e della giovane promessa Ruairidh Brown, entrambi membri della prestigiosa accademia del Clackmannanshire: il primo ha fatto della continuità la propria arma vincente mentre il secondo ha ottenuto il primo premio in ognuna delle competizioni della sua categoria. Lo statunitense Nick Hudson si è aggiudicato il titolo complessivo per il Grade A grazie al primo posto nella competizione per Pibroch ed al secondo posto nel March, Strathspey and Reel. Durante la consegna dei premi Beaumont ha confermato che sarà ospite presso la Ipswich Piping Society nel Suffolk, Inghilterra orientale, dove terrà un recital il prossimo 20 Marzo. 

Le origini di tale competizione risalgono al novembre 1732, quando quattordici gentlemen da Scozia ed Inghilterra si riunirono in una delle piccole chiese della City, come si direbbe oggi, per fare rete e per sfidarsi bonariamente a colpi di pibroch. La competizione non ha sempre avuto cadenza annuale ed ha spesso cambiato nome, formato e location: è soltanto dagli anni ’30 che si assegna annualmente un premio, battezzato Bratach Gorm, ma la London Competition, oggi organizzata dalla Scottish Piping Society of London, è ormai divenuta uno dei contest preferiti dai pipers di tutto il mondo e, con la probabile introduzione di una diretta streaming dal 2020, si propone di confermarsi come un passaggio fondamentale per la diffusione della musica e della tradizione di questo magico strumento.

Am Bratach Gorm

  1. Callum Beaumont  – “Lament for the Earl of Antrim”
  2. Iain Speirs – “Cherede Darievea”
  3. Alasdair Henderson –  “The Battle of Auldearn”, No.2
  4. Glenn Brown – “Scarce of Fishing”
  5. Peter McCalister – “The Earl of Seaforth’s Salute”

Open Piobaireachd (The William Gilles Cup)

  1. Callum Beaumont  
  2. Alasdair Henderson
  3. Steven Leask
  4. Roddy MacLeod
  5. Sarah Muir

Premier Grade March (J.B. Robertson Bowl)

  1. Callum Beaumont  
  2. Alasdair Henderson
  3. Willie McCallum

MSR (London Medallion & John MacFadyen Quaich)

  1. Callum Beaumont  
  2. Alasdair Henderson
  3. Willie McCallum
  4. Calum Brown
  5. Pipe Major Ben Duncan

Hornpipe & Jig (The Mary Flora Beaton Cup)

  1. Seumas Coyne
  2. Iain Speirs
  3. Willie McCallum

Overall Champion Piper – Callum Beaumont  

A Grade 

Ceòl Mòr (The R.G. Lawrie Rams Horn Snuff Mull)

  1. Nick Hudson
  2. Derek Midgley
  3. Darach Urquhart
  4. Pipe Major Ben Duncan
  5. Steven Leask

MSR (Strachan Memorial)

  1. Angus J. MacColl
  2. Nick Hudson
  3. Gordon Conn
  4. Innes Smith
  5. Lachie Dick

Hornpipe & Jig (Donald Forbes Medal)

  1. Peter MacGregor
  2. David Wilton
  3. Callum Moffat

Overall (Terry Maginn Trophy ) – Nick Hudson

B Grade 

Piobaireached (John Roe Plate)

  1. Calum Brown
  2. Andrew Ferguson
  3. Alex Gehrig
  4. Callum Wynd
  5. Ashley McMichael

MSR (The London Scottish Hodden Grey Trophy)

  1. Andrew Donlon
  2. Callum Wynd
  3. Dan Nevans 
  4. Andrew Ferguson
  5. Peter McCalister 

Jig (The Hugh MacMillan Trophy)

  1. Finlay Cameron
  2. Scott Wallace
  3. John Dew

Overall (The Angus Nicol Award) – Andrew Ferguson

Juniors 

Ceòl Mòr

  1. Ruairidh Brown
  2. Dugald MacKechnie
  3. Ryan Smart
  4. Abbie Kerr

MSR (British Airways Pipe Band Trophy)

  1. Ruairidh Brown
  2. Ryan Smart
  3. Dugald MacKechnie
  4. Abbie Kerr

Slow Air & Jig (Highland & Islands Society Trophy)

1. Ruairidh Brown

2. Dugald MacKechnie

3. Ryan Smart

4. Abbie Kerr

Condividi-Share
Pubblicato in Articoli, Competizioni, Senza categoria | Lascia un commento

GLENFIDDICH 2019: JOHNSTON CONCEDE IL BIS

di Michele Mele

da bagpipe news

Nella magnificenza della duecentesca Great Hall del castello di Blaire, Pertshire, si è tenuta la quarantaseiesima edizione dell Glenfiddich Piping Championships, universalmente riconosciuto come l’evento più importante del circuito del solo piping. Finlay Johnston di Tiree, nelle Ebridi Interne, si è confermato in gran forma riconquistando il titolo vinto l’anno scorso.

Questa volta però Johnston ha ottenuto il primato overall classificandosi al secondo posto sia nel Pibroch che nel March, Strathspey and Reel: come avrebbe detto un famoso attore napoletano, è la somma che fa il totale. Intervistato dopo la proclamazione dal maestro di cerimonia Gary West, da sedici anni conduttore di Pipeline per la BBC e professore alla Strathclyde University, il vincitore ha espresso la sua incredulità per un obbiettivo che non avrebbe mai pensato di raggiungere nuovamente.

Ogni partecipante ha dovuto fornire con settimane di anticipo una lista con sei pibroch, sei marce, sei strathspey e sei reel; la scelta definitiva è stata fatta mediante sorteggio meno di ventiquattro ore prima dell’inizio della competizione e i pipers hanno conosciuto con esattezza i brani da eseguire soltanto la sera del venerdì che precede il grande evento. Johnston ha eseguito un Pibroch moderno, “Donald Gruamach’s March, composto nei primi anni del XX secolo, ma tra i dieci brani di cèol Mor dei partecipanti, ovvero i vincitori dei principali trofei negli ultimi dodici mesi e tre pipers invitati grazie al loro piazzamento al secondo posto in alcune di tali competizioni, non sono mancati pibroch risalenti fino anche al medioevo come “Scarce of Fishing” la cui prima registrazione scritta risale alla prima decade del XV secolo nella contea scozzese del Caithness.

Il canadese Glenn Brown ha conquistato il primo piazzamento nella categoria Pibroch con una struggente interpretazione di “Farewell to the Queen’s Ferry” mentre il ventiduenne Connor Sinclair, debuttante a Blaire Atholl grazie alla vittoria della Gold Medal al Northern Meeting ad Inverness a fine Agosto, si è classificato primo nella sezione March, Strathspey and Reel con un energetico set dcon sia brani tradizionali che moderni.

La Balvenie Medal, premio assegnato alle figure che si sono distinte nella promozione del piping in Gran Bretagna e nel mondo, è stata quest’anno assegnata ad Anne Spalding, insegnante e giudice di competizioni che ha spesso viaggiato dalle Highlands al Dorset per lavoro senza richiedere rimborsi o compensi, mossa soltanto dall’amore per lo strumento e la sua secolare tradizione. 

Gli organizzatori hanno confermato che quest’anno il Glenfiddich Piping Championships è stato seguito in streaming sul sito del National Piping Centre da più di seimila persone in ventisette paesi diversi, incluse nazioni dove la cornamusa non è certo uno strumento consolidato, come Lettonia, Ecuador e Uganda; un notevole sucesso per la promozione delle Highland pipes nel mondo.

Il prossimo weekend a Londra si assegnerà un posto per il Glenfiddich 2020: si terrà infatti la London Competition, il più antico evento del circuito del solo piping che si tiene, sebbene abbia cambiato nome e format e abbia subito alcune interruzioni nei secoli, sin dal 1732.

PIBROCH
1. Glenn Brown – “Farewell to the Queen’s Ferry”
2. Finlay Johnston – “Donald Gruamach’s March”
3. Ian Speirs – Scarce of fishing”
4. Jack Lee – “The Lament for the Laird of Anapool”
5. Connor Sinclair – “Lachlan MacNeil Campbell of Kintarbert”




MSR
1. Connor Sinclair – “Major Manson’s Farewell to Clachantrushal/ Susan MacLeod/ Broadford Bay”
2. Finlay Johnston – “Inverlochy Castle/ Cat Lodge/ The Smith Chillichassie”
3. Niall Stewart – “P.M.J. McWilliams/ Glentruim/ Ca’ the Ewes”
4. Calum Beaumont – “The Stirlingshire Militia/ Lady Louden/ The Little Cascade”
5. Stuart Lidell – “Mrs. John MacColl/ The Shepherd’s Crook/ John Morrison of Assynt House”

Condividi-Share
Pubblicato in Competizioni, Senza categoria | Lascia un commento

B.I.G. Gathering 2019

Il gathering è giunto alla fine e resta un po’ di vuoto in tutti noi.

Questa’anno è stato particolarmente intenso con tantissimi partecipanti, ospiti di prim’ordine: Roddy MacLeod, Craig Muirhead, Gus Sicard e Alberto Massi. Partecipanti venuti da lontano come Michael McClanathan dagli USA. Tutto molto positivo e devo dire con soddisfazione un bel concerto dove possiamo affermare di aver fatto un passo avanti nel suono e nella qualità.

Lascio ora la parola ai partecipanti al gathering che hanno voluto lasciare una loro impressione. Ringraziando Francesco Toiati per il montaggio del video

Giorgia, Corrado e Salvo che erano al loro primo gathering e Giancarlo navigato piper oramai da molti anni ospite del gathering e della Spring School.

Corrado:

Sono Corrado di Bergamo e vorrei condividere con te le mie impressioni sul Gathering 2019, appena concluso.

Ho iniziato a suonare la cornamusa due anni fa, ovviamente il primo anno solo practice chanter quindi la pipe dal settembre dello scorso anno. Non avendo potuto partecipare al Gathering dello scorso anno e nemmeno alla Spring di questa primavera, questa è stata la mia “prima volta”

Dagli amici “allievi con barba” e dal mio Maestro Arturo, veterani degli eventi da voi organizzati, avevo avuto entusiastiche presentazioni ed in effetti tutto ciò che mi avevano detto si è avverato, anche nel divertimento!!

È stata una esperienza fantastica: mai mi sarei immaginato di riuscire a suonare in gruppo sebbene il venerdì pomeriggio, sulla spiaggia, ne abbia combinate di tutti i colori; è stato un crescendo di fiducia iniettata nei mie polmoni, ma soprattutto nella mia testa.

Il concerto a Livorno è stata la mia prima esibizione in pubblico e li ho potuto lasciar andare tutto ciò che avevo, nel limite del repertorio che mi sentivo nelle dita. Ti confesso che alla fine ero talmente emozionato che mi si sono ingrossati gli occhi dalle lacrime: troppo felice!!!!

Ho anche partecipato alla Competition nella sezione Tune e mai mi sarei immaginato di arrivare sul podio: riesci ad immaginare la mia felicità?

Ancora adesso sto rileggendo le note di Alberto, tanto preziose quanto importanti per la mia crescita come piper.

Ho una sola domanda da farti: il programma della Spring è già uscito? J J

Un grande grazie quindi a Te, Alberto, Roddy, Craig, a tutto lo staff ed a tutti i nuovi amici

Un grosso abbraccio e a presto

Corrado

Giorgia:

Le aspettative per questo mio primo Gathering erano molto alte, avevo sentito storie divertenti e surreali dell’atmosfera di festa, musica e pazzia di questo appuntamento e a dire il vero ero anche un po’ spaventata. Conoscevo poche delle persone presenti e non sono di certo una brava piper. Ma dal momento del mio arrivo a Calambrone tutti i dubbi si sono dissipati, un’accoglienza calorosa e l’atmosfera era davvero familiare, di festa, persone che condividono una grande passione che riempie differenze di età, provenienza e stili di vita. Le doti musicali? Relativamente importanti, ognuno aveva la sua occasione per esprimersi, provare e partecipare. Un occasione unica per ascoltare e conoscere alcuni tra i più bravi pipers italiani e scozzesi e potersi confrontare direttamente con loro.

Unica nota dolente? E’ durato troppo poco!

Salvo:

Salve a tutti i soffiatori, a distanza di tre giorni dalla fine del raduno toscano colgo l’occasione per scrivere quattro righe su quello che ho provato durante questi tre meravigliosi giorni. Volevo ringraziare tutti, nessuno escluso, per la magnifica accoglienza nonostante per la maggior parte fossi uno sconosciuto; un grazie particolare ai maestri Roddy, Alberto, Craig e Gus, vere leggende viventi, che si mettono a disposizione di tutti senza risparmiarsi, sembrerà una frase banale ma per chi li incontra per la prima volta é condizione essenziale per mettere a proprio agio qualsiasi allievo, dal più virtuoso ad un principiante come me.

Grazie mille a Gianluigi che mi ha torturato un anno per convincermi a partecipare, grazie al mio insegnante Giankapipa per le lezioni su Skype, ai ragazzi che con i loro consigli mi hanno insegnato qualcosa in più rispetto a prima.

Un grazie esponenziale a Riccardo e Raffaele per la bellissima organizzazione.

Buon soffio e arrivederci alla spring school. 

Giancarlo:

giovedì mattina inizia come tanti altri, con un paio di ore di lezione.

Lezione al parco, sulla bagpipe, quindi il caffé lo prendiamo al bar e via verso il Lambro.

Il tempo di accordare Chanter e bordoni, e si inizia a suonare. Dopo circa un’ora, dalle fronde, ecco comparire anche Umberto, con il quale viaggerò verso Calambrone.

Si accorda anche lui e passiamo l’ora successiva suonando in tre. I tre chanter insieme sparano fuori tutte le armoniche nascoste, e l’aria si riempie di aspettative. Intuiamo appena quello che ci aspetta per il weekend.

Ormai è ora di pranzo, e cosa c’è di meglio che una passeggiata, verso la miglior pizzeria di zona, per stimolare l’appetito…

Dopo pranzo c’è giusto il tempo per un caffè, lasciamo Daniele ad i suoi impegni e veniamo raggiunti da Andrea. Tre ore ci separano dalla Toscana, ma il primo convoglio è partito!

Arriviamo verso le diciannove, subito seguiti da altre due macchine, così senza perdere tempo ci fiondiamo di nuovo al ristorante, stavolta pizza fritta. Si mangia, si chiacchiera e poi prendiamo le rispettive stanze. Il tempo di posare i bagagli e ci ritroviamo al teatro della struttura che ospiterà il 17esimo B.I.G. Gathering. Siamo otto e ci conosciamo già tutti da un po’, accordiamo le pipes e diamo fiato alle sacche. Le tre Highland bagpipe della mattina sembrano uno scherzo, adesso siamo otto e il teatro si riempie in un’unica bolla di suono capace di scacciare qualunque negatività. Intanto fa la sua apparizione anche Gus Sicard, pluripremiato campione del mondo di snare. Due chiacchiere, tre birre e tutti a nanna, domani inizia il Gathering.

Il venerdì ci vede tutti svegli ed attivi, dopo colazione gli ultimi preparativi, manifesti, bandiere di Italia, Scozia e Bretagna. Chi monta il proiettore, chi va a Pisa a prendere i siciliani attivati in aereo. Altri giungono autonomamente e dopo un aperitivo, tutti a tavola, anzi i tavoli, visto che nel frattempo siamo aumentati. E mentre prendiamo il caffè compaiono anche gli insegnanti: Roddy MacLeod MBE e Craig Muirhead, accompagnati da Margaret, dalla Scozia. Alberto Massi dalla Toscana.

Qualcuno svolge le formalità burocratiche, altri suonano già, rendendo più arduo il compito dei primi, ma tant’è. Il 17esimo B.I.G. Gathering, organizzato dal B.I.G (Bagpipe Italian Group) ed A.P.I. (Associazione Pipers Italiani) è ufficialmente iniziato. Per prima cosa un po’di esercizio sui practice chanters per rivedere insieme il repertorio scelto per la massed band. Poi, dopo aver accordato un numero imprecisato di strumenti (a nessuno è ancora venuto in mente di contarci), la prima prova tutti insieme. Si continua con la proiezione di un film sulla Spirit of Scotland Pipe Band, e prima di cena, radunato anche il drum corp, ci trasferiamo tutti in spiaggia…no, non per fare il bagno, bensì le prove di marcia in massed band, coccolati dall’ultimo sole del venerdì, e guidati da Roddy e Craig. A questo punto tutti liberi per un po’, chi a guardare il tramonto, chi a fare finalmente il bagno, chi l’aperitivo al bar. Dopo cena di nuovo tutti in teatro. Si suona assieme, si suona da soli e si suona a piccoli gruppi. Insomma si suona e si fa festa, si sta assieme e ci si diverte ben oltre l’ora elegante…gli ultimi arrivano tra le tre e le quattro di notte, e guarda caso, trovano ancora un bel gruppetto sveglio e festaiolo. Spuntano Pive emiliane, whistles e uilleann pipes, cambia la musica ma si fa ancora festa, più o meno fino allo svenimento.

Il  sabato inizia con lo studio di un piccolo Retreat in 3/4 a più voci, nulla di troppo impegnativo, adatto a tutti i livelli. Questo è un Gathering, non una School, quindi niente divisione in classi, stiamo tutti insieme ed assieme lavoriamo.

A seguire, con Alberto, ripassiamo ancora una volta il repertorio, ci accordiamo sulle chiusure dei brani e l’ordine della scaletta. Il pomeriggio approfittiamo del retro del Regina Mundi per dividerci in due gruppi ed esercitarci ulteriormente sul marching. È quasi ora di cena, quindi ci disperdiamo per ritrovarci pronti alle 20:30. A questo punto sappiamo quanti siamo. Ognuno con i colori suoi, o della pipe band di provenienza, in quarantatre cornamuse, due gran casse e quattro rullanti saliamo sul bus alla volta di Livorno. Giunti in città ci si divide in tre gruppi per velocizzare l’accordatura di tutti i chanter e bordoni, poi in formazione, al ritmo del drum corp, avanziamo verso il quartiere Venezia. Partono anche le pipes, il suono è potente, pulito, compatto. Sembra uno stato solido della materia. 6 percussionisti e 43 pipers marciano come un sol uomo.

Entriamo in chiesa e ci disponiamo ad arco. Inizia lo spettacolo. Roddy MacLeod, Alberto Massi e Craig Muirhead, i nostri tre solisti, alternano set indimenticabili a quelli della massed band, composta da pipers di tutti i livelli…. eppure ho come l’impressione che l’applauso più lungo lo porti a casa Gus Sicard con un roccambolesco assolo di rullante.

Strike in e cut off sono puliti, la massed band fa il suo lavoro egregiamente, i solisti sono funambolici e tutto il concerto si svolge in pieno ritmo, il pubblico che ha riempito all’inverosimile la chiesa è entusiasta. 

Ma i suonatori di cornamusa sono gente meticolosa, si sa. Così prima di andare via rimettiamo pure a posto le panche della chiesa di Santa Caterina.

Se all’andata l’atmosfera sul bus era contenuta, forse per l’emozione che sempre precede uno spettacolo, al ritorno non ci sono più freni inibitori, la gioia e la soddisfazione non possono più essere contenute ed Alberto, intanto che bus viaggia, ci suona sulla Pipe tutte le sigle dei cartoni animati anni ’80 , che manco Bimbo Mix, per chi sa di cosa parlo…

L’autista capisce la situazione ed intuisce i bisogni, quindi ferma il mezzo proprio in corrispondenza della porta del bar: scendi dal bus ed entri al bar senza mettete piede in strada! La sete è tanta, la voglia di fare festa pure. Portano una torta e partono i cori (è il mio compleanno), qualcuno si alza in piedi e… vabbè qui sorvolo e vi rimando ai video.

Ma tutto prima o poi deve finire, ed il bar deve chiudere…allora ci trasferiamo in teatro poiche si, tutto deve finire, ma quando lo diciamo noi, e noi diciamo che la festa continua. C’è un tavolo imbandito d’ogni bene, salami, ciccioli, formaggi ed una mortadella intera, chi ha fame qui la sazia, chi ha sete ha l’imbarazzo della scelta. E poi ancora Great Highland Bagpipes, uilleann pipes, pive, bodhran, gran casse e rullanti. Io, finalmente, alle 6:00 di mattina mi infilo a letto, che alle 9:00 c’è la sveglia e tre ore alla mia età sono come la sufficienza a scuola, il minimo insindacabile.

Domenica colazione e poi ognuno ad accordare il suo strumento per la competizione. L’agonismo in realtà è poco, l’amicizia invece tanta, e la gara è solo una scusa, l’ennesima, per stare e crescere insieme. 

A pranzo l’atmosfera è più pacata, tutti hanno dormito poco negli ultimi giorni, ma il vero motivo è che siamo agli sgoccioli e nessuno vuole andare via. Tre giorni intensi, indimenticabili, alla fine dei quali ogni anno mi ripeto la stessa cosa. Non mi bastano! Ne voglio ancora!

Resta solo il tempo per l’ultimo Poncino (siamo attaccati a Livorno) la premiazione dei vincitori e il giro di saluti. Un po’ alla volta la gente si avvia verso casa. La costa Toscana, forse triste del silenzio e la quiete che ci lasciamo alle spalle ogniqualvolta riponiamo le pipes, ci saluta con un tipico tempo scozzese, ma anche un po’ bretone, insomma…piove. Neanche a rendersene conto e siamo in strada, sulla via del ritorno. Io, i compagni di viaggio ed un incontenibile magone. Dodici lunghi mesi e chissà quante cose dovranno passare e succedere prima del prossimo raduno nazionale dei pipers italiani, e già non vedo l’ora…

Concludo questo mio prolisso resoconto complimentandomi per il lavoro svolto da tutti, ma soprattutto dagli organizzatori che hanno reso possibile tutto ciò. A voi il mio più sentito ringraziamento, non mollate mai ragazzi!!! Ringrazio ancora i Maestri scozzesi che come ogni anno ci hanno supportato, ma anche sopportato, ed infine, ultimo ma non ultimo,  Alberto Massi, che da sempre ci segue, e che ha per l’occasione composto una allegrissima marcia, ormai il tormentone di questa fine estate. 

In alto i calici allora per il B.I.G. e A.P.I. e….brindisino.

Giancarlo Percopo

Condividi-Share
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Gran Concerto 2019

Dopo la massed band, sfiltata dei partecipanti al raduno di cornamuse per le vie della Venezia. Concerto con: Roddy MacLeod direttore del national Piping Centre di Glasgow. Uno dei più grandi interpreti di questo strumento.
Craigh Muirhead uno dei giovani piper emergenti più in vista
Alberto Massi unico italiano ad aver conseguito il diploma di insegnante di cornamusa in Scozia e unico ad aver vinto premi nelle competizioni dedicate alla cornamusa.
Gurvan Sicard affermato suonatore di rullante già campione del mondo con la Inverary & District pipe band.
Ingresso Libero

Condividi-Share
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento