dal 1919 al 1939

Il periodo tra le due guerre fu, per molti aspetti, simile a quello precedente la prima guerra.

L’esercito Britannico fu smmobilitato, il servizio di leva eliminato e l’esercito tornò alla dimensione professionale pre-bellica e alle sue abituali postazioni ai quattro angoli dell’impero.

La  prima guerra mondiale aveva però lasciato il segno un  dovunque. Ogni singola famiglia di ogni cittadino britannico aveva avuto almeno un uomo arruolato e inviato al fronte a combattere , e molti erano stati feriti, menomati o uccisi.

Questo era particolarmente vero in Scozia, vista la popolazione non numerosissima e l’attaccamento ai propri reggimenti, in cui ci poneva quasi come punto d’onore di aver servito.

In questo periodo di relativa tranquillità l’attività dei piper è simile a quella che conosciamo anche oggi : dopo la prima guerra mondiale, infatti, si iniziano a concretizzare quelle esigenze di  standardizzare la musica delle singole unità, vengono vergate le prime raccolte di musiche reggimentali per cornamusa, vengono gettate le prime basi di quella che in seguito diventerà l’Army  School of Piping.

I piper dedicavano sempre più tempo allo studio, singolo e di grupo. Il numero e l’importanza delle competizioni era infatti cresciuto enormemente e vedevano una forte partecipazione di piper dell’esercito sia come solisti che in pipe band.
Un gran numero dei brani più famosi del repertorio contemporaneo risalgono a questo periodo
.

Mario Tomasone
Author: Mario Tomasone

Condividi-Share
Questa voce è stata pubblicata in Origini e Storia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.